casa occupata da stranieri

Casa occupata da stranieri: lo sfratto per morosità non viene convalidato!

Casa occupata da stranieri: lo sfratto per morosità non viene convalidato!

L’incredibile ordinanza del Tribunale di Napoli Nord che non ha convalidato lo sfratto per morosità nonostante l’occupazione dell’immobile da parte di alcuni stranieri arrivati in Italia.

Nel 2014 la proprietaria di un immobile sito in un comune dell’hinterland napoletano decideva di mettere in fitto la propria seconda casa.

Si faceva avanti un’impresa sociale impegnata nell’accoglienza degli stranieri in Italia e dei soggetti svantaggiati, attiva nel progetto ministeriale SPRAR (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati).

Il rapporto contrattuale procedeva senza intoppi fino a inizio 2020, quando l’impresa decideva improvvisamente di non pagare l’annualità 20-21.

Soltanto nel mese di luglio, poi, alla proprietaria veniva notificato il recesso da parte dell’Ente il quale affermava di non avere più bisogno dell’immobile in quanto il progetto SPRAR era ormai terminato.

COSA È SUCCESO?

La signora, che nulla aveva ricevuto per i mesi da marzo a luglio 2020, ha chiesto all’impresa il pagamento dei canoni non corrisposti ma, soprattutto, la restituzione dell’immobile.

Ed è su questo punto che la vicenda si è complicata: “la casa non può essere liberata”, perché ormai finita nella disponibilità di una famiglia di stranieri arrivati in Italia, introdotti nell’appartamento dalla stessa impresa nel giugno 2019.

LA DECISIONE DEL TRIBUNALE

A quel punto la proprietaria dell’immobile non ha potuto far altro che intentare causa all’impresa, chiedendo al Tribunale di Napoli Nord la liberazione della casa occupata dagli stranieri e il pagamento dei canoni.

Secondo la legge italiana, in sintesi, il giudice può convalidare lo sfratto anche provvisoriamente e prima di un (lungo) giudizio di merito.

Questo può avvenire sia:

  • quando il conduttore – in questo caso l’impresa – non avanza alcuna contestazione rispetto alle richieste del proprietario;
  • sia, quando le contestazioni non sono fondate su prova scritta.

Dice l’art. 665 c.p.c., però, che lo sfratto può non essere convalidato anche in presenza di “gravi motivi”, di volta in volta valutati dal giudice.

Ebbene, il Tribunale di Napoli Nord, con un provvedimento che si presta a molte osservazioni critiche, ha deciso di non convalidare lo sfratto.

Non perché l’opposizione dell’impresa sociale sia stata fondata su prova scritta, ma perché, afferma letteralmente il giudice:

gli stranieri abusivamente stabiliti nell’immobile in questione sono da considerarsi soggetti in difficoltà o comunque dei richiedenti asilo.

Questa loro condizione, a detta del Tribunale, costituirebbe di per sé stesso il grave motivo di cui parla l’art. 665 c.p.c.

I DIRITTI DEL PROPRIETARIO

L’ordinanza, quindi, ha rinviato la causa nel merito al maggio 2021 e l’immobile è rimasto, nel frattempo, nella disponibilità della famiglia di stranieri.

Il tutto, senza riconoscere alcun rilievo ai diritti della proprietaria che, nel mentre, sopporterà soltanto gli oneri e i costi derivanti dalla seconda casa!

Soprattutto, nulla è stato disposto nei confronti dell’impresa sociale, a ben vedere unica vera responsabile di un simile guazzabuglio giuridico.

Di questa pronuncia, infatti, stupisce la totale assenza di riguardo nei confronti delle esigenze del proprietario, sul quale viene apertamente scaricato un fardello sociale enorme.

Rispetto ad un progetto ministeriale (lo SPRAR), al coinvolgimento di comuni e imprese afferenti al terzo settore  – e, quindi, sottoposte almeno teoricamente a stringenti controlli – la pronuncia in esame non ha saputo fare di meglio che domandare al comune cittadino, quasi “colpevole” di essere proprietario di una seconda casa, di sopportare le conseguenze gravissime di un fenomeno tanto complesso come quello della protezione internazionale e dell’immigrazione.

Rispetto a una pronuncia che non ammette impugnazioni, quindi, cosa potrà fare la proprietaria in attesa del giudizio?

LA CAUSA NEL MERITO

A seguito di questa pronuncia, la signora non potrà che aspettare il maggio venturo per l’inizio della causa di merito, la cui durata non è calcolabile in anticipo e che sicuramente terrà banco per qualche anno.

Nel frattempo la casa risulta inutilizzabile e occupata da stranieri in condizioni effettivamente svantaggiate, i quali nulla potranno mai versare in favore della proprietaria.

Tutto questo, purtroppo, grazie ad una macchina Statale e comunale latitante e un’impresa sociale irresponsabile, coadiuvate da una giustizia che a volte si fatica a chiamare tale.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.